Home Benessere Perché sempre più donne abbandonano la pillola?

Perché sempre più donne abbandonano la pillola?

180
0

Un numero sempre maggiore di donne della Gen-Z, come Laura Lear, 24 anni, sta abbandonando la pillola anticoncezionale – anche sulla scia dell’annullamento della sentenza Roe v. Wade – a causa delle correlazioni tra la pillola e la diminuzione del desiderio sessuale, nonché di tassi più elevati di depressione e suicidio.

La storia di Laura

Ho iniziato a prendere la pillola anticoncezionale al secondo anno di scuola superiore per aiutare l’acne. Anche la maggior parte delle mie amiche ha preso la pillola in quel periodo.

Laura Lear
Laura Lear, 24 anni

Non ho mai pensato due volte agli anticoncezionali – per non parlare della loro sospensione – fino alla pandemia, quando ho avuto più tempo per considerare la pillola che prendevo ogni mattina. Ho iniziato a chiedermi come l’assunzione quotidiana di ormoni artificiali influisse sul mio modo di pensare e di sentirmi.

Recentemente, dopo sei anni di assunzione, ho deciso di smettere di prendere la pillola. Ma non sono solo io. Molte mie amiche stanno facendo lo stesso, sia che si tratti di preoccupazioni per la loro salute mentale, sia che si tratti del desiderio di qualcosa di più naturale, sia che si tratti della curiosità di vedere com’è il mondo quando non si è in preda alla nebbia ormonale.

Diminuizione del desiderio sessuale

Per un numero sempre maggiore di donne della Gen Z, è intuibile che il controllo ormonale delle nascite possa avere effetti negativi su di noi e sul nostro cervello. E le ricerche lo confermano, mostrando correlazioni tra la pillola e una diminuzione del desiderio sessuale, oltre a tassi più elevati di depressione e suicidio, e persino reazioni allo stress simili a quelle dei sopravvissuti al PTSD.

Studio ed esperienza della Dr. Sarah Hill

La psicologa ricercatrice Dr. Sarah Hill la pensa così. Nel 2019 ha pubblicato il libro This is Your Brain on Birth Control: The Surprising Science of Women, Hormones, and the Law of Unintended Consequences (La scienza sorprendente delle donne, degli ormoni e della legge delle conseguenze indesiderate) dopo aver smesso lei stessa la pillola.

“È stato il fatto di aver smesso di prendere la pillola e di aver visto come mi ha cambiata a ispirarmi a scrivere il libro”, ha raccontato Hill, docente di psicologia sociale alla Texas Christian University, al Post. “Avevo molta più energia, facevo esercizio fisico e cucinavo di nuovo. Improvvisamente, ero interessato al sesso”.

L’esperienza di Khoury presa come esempio

Da quando ha smesso di prendere la pillola, Kennedie Khoury, 24 anni, ha detto: “Non sono più attratta dalle stesse persone… Gli uomini hanno un odore diverso per me”.

Kennedie-Khoury
Kennedie-Khoury – Margot Judge per il NY Post

Da allora, la dottoressa Hill ha dichiarato di aver notato una “maggiore consapevolezza di alcuni effetti collaterali” della pillola, che ha potenzialmente contribuito a un lento ma costante calo delle prescrizioni. Tra il 2002 e il 2017 si è registrato un calo del 9% nell’uso dei contraccettivi orali.

E, sebbene debbano ancora arrivare numeri più aggiornati, i medici notano aneddoticamente un aumento delle giovani donne che desiderano cambiare.

“Ho notato che molte pazienti preferiscono un controllo delle nascite non ormonale”, ha dichiarato al Post la dottoressa Taraneh Shirazian, ginecologa presso il NYU Langone Health e direttrice del Center for Fibroid Care. “Molte desiderano limitare l’esposizione del proprio corpo agli ormoni esterni per sentirsi più naturali e simili a se stesse”.

Partner e pillola

Secondo alcuni studi, le donne che hanno scelto il proprio partner durante l’assunzione della pillola hanno maggiori probabilità di sperimentare una diminuzione della soddisfazione nelle loro relazioni sentimentali quando la smettono.

Pillole anticoncezionali
Pillole anticoncezionali

Questa tendenza potrebbe essere in parte ispirata dai video virali di TikTok e YouTube che discutono degli effetti collaterali della pillola – e dai primi giorni di COVID.

“La pandemia ci ha permesso di concentrare l’attenzione sulla nostra salute”, ha spiegato la dottoressa Hill. “Per le donne che non avevano relazioni e non erano sessualmente attive, è stata un’opportunità per rompere con i loro anticoncezionali… Volevano scoprire come avrebbero pensato, sentito e vissuto il mondo senza la pillola”.

L’esperienza di Komi

Komi Frey, 30 anni, di Albuquerque, ha deciso di sospendere la pillola nel 2021 dopo circa sei anni di assunzione. “Ho smesso di prendere la pillola principalmente perché non mi piaceva l’idea di ingerire ormoni esogeni su base giornaliera”, ha raccontato al Post. “Avevo un’avversione istintiva per quell’idea”.

È un sentimento che la dottoressa Hill ha notato sempre più spesso.

Dr.ssa Sarah Hill
Dr.ssa Sarah Hill – @sarahehillphd / Twitter

La dottoressa Sarah Hill, docente e psicologa ricercatrice, ha raccontato che il suo interesse per il sesso si è risvegliato dopo aver smesso di usare la pillola anticoncezionale.

Perchè assumere molte sostanze chimiche sintetiche?

“Ci stiamo muovendo, culturalmente, verso un luogo in cui riconosciamo che mettere un mucchio di sostanze chimiche nel nostro corpo non è necessariamente una grande idea”, ha detto. “Le persone cercano approcci più naturali”.

La ricerca della dottoressa Hill sta facendo luce su quanto profondamente la pillola anticoncezionale possa avere un impatto sulle donne, al di là dei classici effetti collaterali come l’aumento di peso, i coaguli di sangue e persino l’ictus.

Uno degli effetti collaterali psicologici della pillola più comunemente segnalati è la diminuzione del desiderio sessuale. Questo perché le donne che assumono la pillola hanno livelli artificialmente elevati di progesterone, che la dottoressa Hill chiama “antiveleno sessuale”. Le ricerche hanno rivelato che l’assunzione di contraccettivi orali è associata a un minore piacere del sesso, oltre a una libido già ridotta.

Qualità del partner scelto con la pillola

Ma la pillola può anche avere un impatto sulla scelta del partner. I ricercatori hanno scoperto che le donne che assumono contraccettivi orali preferiscono volti meno maschili nei potenziali partner. Le donne che non prendono la pillola, invece, preferiscono inconsciamente l’odore degli uomini con un testosterone più alto.

Laura Lear ed il marito
Laura Lear con il marito – Nathan Lindstrom per il NY Post.

Lear, che qui si vede con il marito Jacob, ora tiene traccia dei suoi cicli ovulatori e si affida alla pianificazione familiare naturale.

L’esperienza di Khoury

È un’esperienza che ha fatto anche Kennedie Khoury. La ventiquattrenne di Austin, in Texas, ha deciso di sospendere la pillola la scorsa primavera dopo sei anni, perché sospettava che la sua salute mentale ne risentisse negativamente.

Non solo Khoury si è sentita “meno ormonale e maniacale” dopo aver smesso, ma ha provato sentimenti completamente diversi nei confronti di potenziali partner. “Non sono nemmeno attratta dalle stesse persone”, ha dichiarato al Post. “Le persone hanno un odore diverso per me. Gli uomini hanno un odore diverso per me”.

La scoperta della ricerca

Sorprendentemente, la ricerca rivela che il cambiamento nell’attrazione è così pronunciato che le donne che hanno scelto i loro partner mentre prendevano la pillola hanno maggiori probabilità di sperimentare una diminuzione della soddisfazione nelle loro relazioni sentimentali quando la smettono.

Ma l’impatto del controllo delle nascite sul cervello va oltre le preferenze sessuali. Ha un impatto sull’esperienza che le donne hanno del mondo che le circonda. Secondo la ricerca della dottoressa Hill, l’assunzione della pillola può essere associata a un minore autocontrollo e a una minore perseveranza.

Nell’ultima generazione, un numero maggiore di ragazze ha iniziato a prendere la pillola già a 13 o 14 anni, spesso per contrastare l’acne.

Ragazzi in età dell'acne
Ragazzi in età di acne

Influisce anche sul modo in cui le donne reagiscono allo stress. Mentre la risposta tipica dell’organismo a un’esperienza stressante è il rilascio dell’ormone cortisolo, le donne che assumono la pillola hanno una risposta al cortisolo attenuata o completamente assente.

Di conseguenza, tendono ad avere una minore capacità di elaborare le emozioni negative. In effetti, questa risposta attenuata al cortisolo assomiglia molto a quella di chi soffre di PTSD.

Secondo la dottoressa Hill, “dovremmo tutti essere allarmati dal fatto che i profili degli ormoni dello stress delle donne che assumono la pillola anticoncezionale assomigliano più a quelli delle vittime di traumi che a quelli di giovani donne altrimenti sane”.

Sia la dottoressa Shirazian che la dottoressa Hill hanno notato un cambiamento generazionale nell’atteggiamento nei confronti degli anticoncezionali, con la generazione Z in prima linea in un nuovo movimento verso alternative più naturali e non ormonali.

Pillole anticoncezionali
Pillole anticoncezionali

La consapevolezza odierna

“Ho notato che molte pazienti preferiscono un controllo delle nascite non ormonale”, ha dichiarato al Post la dottoressa Taraneh Shirazian, ginecologa presso il NYU Langone Health e direttrice del Center for Fibroid Care.

La dottoressa Shirazian ritiene che sia “parte di un cambiamento generazionale”. Secondo la dottoressa, le pazienti più giovani “vogliono prodotti più naturali, meno ormoni e sostanze chimiche, e vogliono anche usare prodotti che rispettino l’ambiente”.

“Questa generazione di donne chiede di essere informata su ciò che entra nel loro corpo”, ha detto la dottoressa Hill. Una generazione di donne più giovani dice: “Ehi, aspetta un attimo. Non puoi dirmi cosa mettere nel mio corpo e aspettarti che io obbedisca ciecamente'”.

L’inizio di Laura

Laura Lear, 24 anni di Houston, Texas, ha preso la pillola a 20 anni – più tardi di molte sue amiche – quando il suo ex fidanzato e i suoi coetanei l’hanno spinta a farlo.

“Ho semplicemente ceduto alla pressione dei coetanei”, ha detto al Post. “I miei amici lo facevano e io ho deciso: “Ok, se questo è quello che fanno tutti gli altri”. Era così normale che i ragazzi a 13 o 14 anni lo facessero perché avevano una brutta acne. È diventata la cosa più cool da fare, tipo: ‘Oh, prendo la mia pillola ogni giorno alle 3, sincronizziamo i nostri timer'”.

Khoury ha anche detto che la sospensione della pillola l’ha fatta sentire meno ormonale e maniacale.

Khoury Kennedie
Khoury Kennedie – Margot Judge per il NY Post

Conseguenze per una generazione

Ma questa generazione di giovani donne che hanno assunto la pillola prima ancora di essere sessualmente attive potrebbe subire conseguenze indesiderate. Una ricerca ha rivelato che l’assunzione della pillola durante l’adolescenza è associata a differenze di densità misurabili nelle regioni cerebrali coinvolte nella memoria e nelle emozioni.

È una scoperta che non sorprende la dottoressa Hill: “Ad essere onesti, non so come si possa prevedere qualcosa di diverso da questo, perché la transizione puberale è il momento in cui il cervello si rimodella dal suo fenotipo infantile alla sua versione adulta. È difficile credere che, per miracolo, non influisca sullo sviluppo del cervello”.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’uso di anticoncezionali durante l’adolescenza è associato a un “piccolo ma robusto” aumento del rischio di disturbo depressivo maggiore più avanti nella vita. Le ragazze che iniziano precocemente a prendere la pillola hanno una probabilità sproporzionata di ricevere prescrizioni di antidepressivi e diagnosi di depressione. Uno studio condotto su mezzo milione di donne in Danimarca ha rivelato che l’uso precoce di contraccettivi ormonali può essere associato a un rischio triplicato di suicidio.

Questo rischio di problemi di salute mentale per tutta la vita e persino di suicidio non solo è sorprendente, ma è stato ampiamente sottovalutato nonostante il fatto che a molte giovani donne continuino a essere prescritti anticoncezionali ormonali senza alcuna avvertenza.

La “pressione dei pari” è stata una delle ragioni principali per cui Lear ha iniziato a prendere la pillola anticoncezionale.

Laura Lear
Laura Lear – Nathan Lindstrom per il NY Post

Conclusione della dottoressa Hill

“Mi sembra che ci sia questa convinzione che il controllo delle nascite come problema delle donne sia stato risolto: Abbiamo le pillole, e allora perché lamentarsi e agitarsi?”. Ha detto la dottoressa Hill. “Le aziende farmaceutiche e altri soggetti che potrebbero investire nel tentativo di trovare qualcosa di meglio per noi, stanno scambiando il fatto che così tante donne la prendono con il fatto che non abbiamo bisogno di qualcosa di meglio”.

In effetti, solo il 2% dei ricavi delle vendite della pillola anticoncezionale viene destinato alla ricerca e allo sviluppo. E sempre più giovani donne ne stanno prendendo atto.

“Come società stiamo perdendo fiducia nelle istituzioni che producono conoscenza, compreso il settore medico”, osserva Frey. “Ci siamo resi conto che spesso sono soggette a pressioni politiche e finanziarie, oltre che a limiti umani. Il sistema di incentivi è in qualche modo distorto”.

Tutto questo non significa che la pillola anticoncezionale non sia stata un enorme vantaggio per le donne.

Conclusione della dottoressa Shirazian

La dottoressa Shirazian ha detto che le sue pazienti più giovani “vogliono generalmente prodotti più naturali, meno ormoni e sostanze chimiche”.

Dr. Shirazian
Dr. Shirazian – NYU Langone

La liberazione attraverso la pianificazione familiare ha permesso alle donne flessibilità e indipendenza: Le donne ora superano i maschi nella forza lavoro con istruzione universitaria. Forse è per questo che c’è una certa resistenza, soprattutto tra le generazioni più anziane, a parlare dei difetti della pillola.

“Molte donne sono molto protettive nei confronti della pillola anticoncezionale semplicemente perché ricordano un tempo in cui questo tipo di opzioni non erano disponibili”, ha osservato la dottoressa Hill. “Stanno cercando di assicurarsi che queste opzioni continuino a essere protette per l’ultima generazione di donne”.

Questa protezione è più importante che mai, dopo l’annullamento della sentenza Roe v. Wade.

Il libro della Dr. Hill

La dottoressa Hill, che ha scritto il libro “This Is Your Brain on Birth Control” (Questo è il tuo cervello sul controllo delle nascite), ha osservato che molte donne anziane sono “protettive nei confronti della pillola anticoncezionale semplicemente perché ricordano un tempo in cui questo tipo di opzioni non erano disponibili”.

Libro della Dr. Hill
Libro della Dr. Hill

“Smettere di prendere la pillola è particolarmente spaventoso perché non posso rimanere incinta”, ha detto Khoury, che vive in Texas, dove l’aborto è ora vietato. “L’inversione della Roe ha solo reso la cosa più spaventosa, perché dovrei fare più salti mortali se dovesse succedere qualcosa”.

Molte donne che abbandonano la pillola optano per opzioni non ormonali, come lo IUD al rame, il diaframma e – condividendo l’onere anche con gli uomini – il preservativo. Altre, come Frey e Lear, entrambe sposate, seguono i loro cicli ovulatori e si affidano alla pianificazione familiare naturale.

“Mi piacerebbe che ci fosse una maggiore normalizzazione del fatto che le donne fanno ciò che è meglio per il proprio corpo”, ha detto Khoury.

Come ha spiegato la dottoressa Hill: “Non c’è una risposta unica per tutti quando si tratta di qualcosa di così complesso come la contraccezione”.